iGENEA
Origine in percentuale

L'origine di tutti gli antenati è determinata in base a regioni e percentuali. Una mappa del mondo mostra le tue diverse origini.

Trovare parenti

Riceverai una lista di parenti genetici nel tuo risultato online. Potete contattare i vostri parenti via e-mail per saperne di più sulla tua famiglia e sul tuo background.

Risultato con certificato

Oltre al risultato online, riceverete un nobile certificato di origine in una cornice e altri documenti in una elegante cartella.

Popolo d'origine

Imparerai l'aplogruppo e le migrazioni (tempo preistorico), i popoli primitivi (antichità) e la regione di origine (Medioevo) della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Tutti i popoli d‘origine

Solo con il test iGENEA Expert è possibile conoscere esattamente gli aplogruppi e le migrazioni (epoca preistorica), i popoli primitivi (antichità) e le regioni di origine (Medioevo) della linea paterna E materna.

Tutti i parenti

Solo con il test iGENEA Expert troverete tutti i vostri parenti genetici nel nostro database.

Più parenti

Riceverai un elenco supplementare di altri parenti della linea paterna (uomini) OPPURE della linea materna (donne).

Consulenza personale

Italia:02 9475 19 86
Svizzera:043 817 13 90
International:0041 43 817 13 90

info@igenea.com Live-Chat WhatsApp

Popolo d'origine Arabi

Etnogenesi

L'unica cosa certa è che il profilo etnico delle popolazioni arabe è il risultato di una fusione di gruppi di popolazione che vivevano nella penisola arabica come discendenti di persone originariamente immigrate in Arabia dall'Africa. Dalla penisola arabica, parte di quell'antica popolazione è migrata indietro attraverso il Corno d'Africa circa 42.000 anni fa. Gli etiopi e i somali sono lontani discendenti di questi migranti. Da circa 6.000 anni ci sono anche ondate migratorie sempre più piccole dall'Arabia del Sud all'Africa orientale. Gli arabi beduini erano certamente coinvolti anche nell'etnogenesi degli arabi.


Ordinate la mia analisi di origine
a partire da EUR 179

Identità

Concetti come "popolo", "nazione", "comunità linguistica" o "gruppo etnico" non sono così chiaramente distinguibili nel mondo arabo come lo sono in Europa.

Più di 200 milioni di arabi sono di casa negli Stati del Nord Africa e del Vicino e Medio Oriente. La coesione culturale di questa popolazione ampiamente dispersa è garantita dall'Islam, perché ad eccezione di piccoli gruppi di cristiani libanesi e siriani (maroniti), la stragrande maggioranza degli arabi appartiene alla comunità religiosa islamica.

L'identità linguistica comune a tutti gli arabi è la lingua araba scritta (arabo standard, arabo alto), che si è solo leggermente allontanata dalla lingua scritta medievale e classica. Il mezzo ombrello della lingua araba scritta e l'uniformità delle tradizioni islamiche rafforzano la consapevolezza dell'unione sovraregionale. Nel pellegrinaggio alla Mecca, tutti gli arabi sono uniti come musulmani, mentre a casa ci si sente più a casa degli egiziani, dei siriani o dei marocchini.

Oggi il 90% dei musulmani è sunnita, mentre circa il 10% è sciita. La percentuale di sunniti è ancora più alta tra gli arabi di etnia araba. L'Iraq è l'unico paese arabo in cui gli sciiti sono in maggioranza.



Lingua

L'arabo appartiene alla cerchia delle lingue semitiche, che sono un ramo della famiglia delle lingue afro-asiatiche.

In linea di principio, tutti gli arabi possono comunicare tra loro attraverso l'arabo scritto, ma non con l'aiuto dell'arabo parlato, che varia molto da regione a regione.

Il suo status di lingua dei conquistadores, il suo prestigio come lingua di rivelazione, il suo alto grado di adattabilità e l'integrazione del linguaggio scientifico dell'antichità fin dal IX secolo, grazie alla vivace attività di traduzione, ha affermato per secoli l'arabo classico come portatore di una cultura islamica interregionale. Come lingua di culto, di studio religioso, di scienza, di letteratura, di amministrazione, ecc., ha influenzato anche le lingue di altri popoli islamizzati, specialmente il persiano e il turco.



Nome

Fin dal periodo assiro (IX secolo a.C.), "Aribi" è il nome della zona della steppa araba e "Mat Arabi" come "spazio della steppa". Gli arabi furono menzionati per la prima volta sul monolite di Salmanasar II (859-825 a.C.) come cavalieri di cammelli. Gli arabi stavano sotto i re e anche regine regnanti. In epoca assiro-babilonese il nome si riferiva ai beduini dell'Arabia settentrionale. A partire dalla gru, il termine "arabo" è diventato generalmente accettato.

In epoca pre-islamica si applicava la divisione degli arabi in nomadi o beduini, in abitanti delle città e in tribù estinte. Inoltre, è stata fatta una distinzione tra le tribù arabe del nord e del sud. La più grande concentrazione di arabi è stata trovata nella penisola araba, ma vi erano anche tribù arabe nella valle del Nilo, nell'Impero Romano e in Persia.

La caratteristica comune degli arabi stanziali e nomadi rimase il loro ordine sociale tribale. Le condizioni climatiche favorevoli all'agricoltura intensiva, tuttavia, hanno prevalso solo negli altipiani dell'Arabia sud-occidentale e nelle grandi oasi ad est.



Storia

Le prime fondazioni statali delle tribù arabe trovano la loro vera motivazione nel controllo delle rotte commerciali e delle rotte delle carovane della regione. Le più antiche (fine del II millennio a.C.) sono le fondamenta dell'impero degli arabi meridionali nella regione dell'odierno Yemen. La più famosa di tutte le formazioni statali arabe meridionali è l'impero di Saba. Sulla base della ricchezza generata dall'incenso e dal commercio dell'India, in Arabia meridionale si è formata una società e strutture statali differenziate. L'agricoltura è stata sviluppata con l'aiuto di grandi sistemi di irrigazione come la diga di Marib.

L'area di insediamento degli arabi del nord apparteneva prima alla sfera di potere degli assiri, poi dei babilonesi e infine dell'impero persiano. Gli arabi furono attirati nelle loro battaglie da persiani e greci. Al tempo di Alessandro Magno, l'area di insediamento degli arabi si estendeva fino alla Mesopotamia. Con lo scioglimento dell'Impero seleucide, le tribù arabe come i Nabatei riuscirono a stabilire domini indipendenti. Le dinastie arabe governavano in Emesa e Edessa. Dopo l'istituzione di Roma come nuovo potere regolatore della regione nel 64 a.C., il controllo della popolazione araba nella zona di confine fu lasciato agli alleati arabi. I Nabatei, il cui regno divenne la provincia romana d'Arabia nel 106 d.C., e L'impero di Palmira fu seguito in questa funzione dai Gassanidi e dai Lahmidi cristiani come regni vassalli romani orientali e persiani rispettivamente.

Una costante migrazione delle tribù arabe meridionali e la conseguente grave minaccia al confine romano non sembra aver avuto luogo. Le misure di fortificazione nella zona di confine arabo settentrionale, realizzate dall'imperatore Diocleziano e da altri, servirono probabilmente più per controllare la popolazione araba che viveva all'interno del territorio imperiale che per respingere un nemico proveniente dall'esterno.

Nel V secolo d.C., gli Stati nomadi locali emergono ad est della Palestina e della Siria, vassalli dell'Impero Romano d'Oriente o della Persia, a seconda dei loro interessi politici. Nel VII secolo, Maometto (circa 570-632), che fu proclamato Profeta di Allah, unificò finalmente l'intera penisola arabica sotto la sua guida. L'Arabia meridionale è stata islamizzata. L'espansione islamica è stata accompagnata da un insediamento mirato degli arabi, in Siria e in Nord Africa per assicurarsi i territori conquistati. Nei primi tempi dell'Islam, i termini arabo e islamico erano in gran parte congruenti. La storia degli arabi può essere suddivisa nelle seguenti 4 epoche principali:



1. Il primo califfato (632-692)

2. L'Alto Califfato (692-945)

3. Lo scioglimento dell'unità politica (945-1258)

4. L'epoca di Ilchane e Mamluken (1258-1517)

1. Il primo califfato (632-692)



Prima fase di espansione sotto i "Califfi di destra guidati" con la conquista di Egitto, Siria, Iraq e Persia; la Prima Guerra Civile stabilisce lo scisma tra sunniti e sciiti; la Seconda Guerra Civile (680-692) porta la vittoria finale degli Omayyadi e l'applicazione del principio dinastico nel califfato. Dal loro cuore, gruppi di persone con tradizioni culturali arabe e un ordine sociale tribale si sono messi in cammino per unire non solo il mondo arabo, ma anche per trasmettere la loro nuova dottrina a milioni di non arabi. Per le seguenti conquiste contro Ostrom e Persia, motivi religiosi, economici e di politica interna si sono uniti per guidare gli arabi. La conquista araba fu favorita anche dall'insolita debolezza degli avversari dell'epoca: sia l'Ostrom che la Persia furono completamente esaurite da una lunga guerra che durò dal 602/603 al 628/629 e rivendicò tutte le risorse. All'epoca dell'espansione dell'Impero Mondiale Islamico, tutte le persone di lingua araba che appartenevano a una tribù araba o ai suoi discendenti erano considerate arabe. La distinzione tra arabi e non arabi all'interno dello Stato era semplice, poiché la mescolanza dei popoli era ancora agli inizi. Nel corso dell'espansione islamica, gli arabi si sono diffusi dal loro territorio originario nella penisola arabica verso il Nord Africa, la Spagna, la Palestina, la Siria e la Persia nel VII e VIII secolo. Gli abitanti aramaici della Siria e della Mesopotamia, in quanto semiti, si sentivano più vicini agli arabi dal punto di vista etnico e linguistico rispetto ai loro maestri orientali romani o persiani. Le tribù arabe erano già immigrate nella Mezzaluna fertile in epoca pre-islamica, e sebbene fossero state in gran parte cristianizzate, sono state rapidamente conquistate dall'Islam a causa della loro parentela etnica. Nel giro di pochi decenni, gli arabi musulmani hanno portato aree così vaste in tre continenti sotto il loro controllo militare. L'arabizzazione linguistica e l'islamizzazione religiosa sono andate di pari passo, ma si sono svolte a ritmi diversi e con successo diverso nei diversi Paesi; entrambe non sono mai state completate completamente. L'arabo ha sostituito l'aramaico, dominante fin dal 1000 a.C. circa. L'islamizzazione o arabizzazione dei territori conquistati si è trascinata per un lungo periodo di tempo e il progresso è stato inizialmente lento. In breve tempo, un popolo la cui statualità era stata fino ad allora limitata agli imperi nomadi locali ha dovuto adattarsi all'amministrazione di un impero di dimensioni imperiali. La lingua araba doveva essere adattata alle esigenze della comunicazione interregionale. Elementi della precedente amministrazione sono stati ripresi dagli arabi. Ad esempio, il greco rimase la lingua ufficiale nei territori romani orientali conquistati fino alla fine del VII secolo e il sistema fiscale sassanide fu mantenuto in Persia. Dopo la fine della conquista, il dominio arabo non sembrava incontrare alcuna resistenza significativa, soprattutto perché gli arabi usavano il vecchio sistema amministrativo e quindi all'inizio cambiavano relativamente poco. Le chiese cristiane in Egitto, Siria e Mesopotamia hanno mantenuto a lungo la loro importanza e la maggior parte della popolazione sotto il dominio arabo è rimasta cristiana per molto tempo. Alcuni cristiani inizialmente continuarono a lavorare nell'amministrazione dell'impero del califfo, mentre altri erano attivi come studiosi alla corte del califfo.

2. L'Alto Califfato (692-945)



Impero centralista nel suo complesso; Arabizzazione dell'amministrazione e della monetazione; seconda fase di espansione; la terza guerra civile tra gli Omayyadi e gli Abbasidi si conclude con la vittoria di questi ultimi e il trasferimento della sede del califfo dalla Siria all'Iraq (fondazione di Baghdad); la Spagna Omayyadi si separa dall'impero nel suo complesso Quando l'arabo divenne la lingua ufficiale dell'amministrazione nel 699, sostituendo il greco e il persiano medio, questo fu apparentemente collegato anche al divieto di impiegare non musulmani nell'amministrazione. I cristiani (e gli zoroastriani dell'ex Impero persiano) erano così ammessi non ricopre più alti incarichi di governo ed è stato escluso da una parte significativa della società. Il numero di convertiti nei territori conquistati inizialmente sembrava rimanere basso, poiché i benefici ad essi associati erano limitati nei primi decenni: Fino a quando gli Abbasidi non sono saliti al potere, indipendentemente dalla religione, solo gli uomini che potevano dimostrare le loro origini arabe potevano avere una carriera. Il cristianesimo e lo zoroastrismo sono stati solo gradualmente respinti; probabilmente solo intorno all'anno 1000 la maggioranza della popolazione di Egitto e Iraq parlava arabo, mentre in Persia l'identità culturale potrebbe essere più fortemente conservata. Nel periodo di massimo splendore dell'Impero islamico, gli arabi si mescolarono sempre più con gli altri popoli. L'Islam e la lingua araba divennero i punti comuni centrali della popolazione dell'Impero Mondiale Islamico. L'avanzata araba poté finalmente essere fermata a est dai bizantini, mentre gli arabi a ovest fecero solo lievi progressi nell'impero franco (VIII secolo). Inizia così, nell'alto Medioevo, la continua divisione dell'Europa e del Mediterraneo in una parte islamica e una cristiana, che a sua volta si scompone in un Occidente latino e in un Oriente greco dominato da Bisanzio.

3. Lo scioglimento dell'unità politica (945-1258)



Nel IX secolo, il califfo è decaduto e mantiene solo un potere nominale fino alla distruzione di Baghdad da parte dei mongoli nel 1258; nel IX secolo, l'impero si scompone in numerosi stati individuali più o meno indipendenti. Nell'XI secolo, un flusso continuo di beduini arabi cominciò a riversarsi nel Maghreb, mentre le varie tribù e clan seguivano i loro parenti dal Sinai e dall'isola araba.

4. L'epoca di Ilchane e Mamluken (1258-1517)



La distruzione di Baghdad da parte dei mongoli nel 1258 pose fine al califfato di Abasid e ora portò anche alla separazione culturale del mondo islamico in una sfera orientale, dove il persiano sostituì l'arabo come lingua della letteratura, e una occidentale, dove i mamelucchi presero il sopravvento. La diffusione degli Ottomani (conquista dell'Egitto nel 1517) ha inaugurato l'epoca più buia della storia araba.



Discesa

L'anno 1492 non solo segnò la fine degli ultimi regni moreschi in Spagna, Granada, ma divenne anche un simbolo del declino della cultura araba e dell'ascesa della cultura cristiana in Europa. Gli Ottomani turchi, che avevano conquistato Costantinopoli nel 1453, ampliarono costantemente la loro influenza politica anche nei paesi arabi. Dopo la vittoria sull'esercito mamelucco nel 1516, il sultano Selim I occupò tutta la Siria e la Palestina e nel 1517 anche l'Egitto. Immediatamente lo sceriffo della Mecca gli inviò le chiavi della Kaaba. Nel frattempo, la sovranità politica nel mondo arabo era di nuovo limitata al cuore della penisola araba, quasi come prima dell'espansione araba.



Oggi

Attualmente sulla terra vivono circa 350 milioni di arabi, di cui circa 200 milioni sparsi nei 22 paesi arabi. In quanto comunità non autoctone, gli arabi vivono anche in diaspora in molti Paesi del mondo, soprattutto in Sud e Nord America e in Europa, soprattutto in Brasile, Argentina, Francia e Stati Uniti.

Popolazioni indigene genetiche di iGENEA

Ebrei Vichinghi Celti Germani Baschi Australiani aborigeni Arabi Berberi Cinese Daci Etruschi Iberi Nativi americani Inca Inuit Popoli dell'Italia antica Giapponesi Curdi Liguri Maya Mongoli Popoli dell' Oceania Persiani Roma Sciti Slavi Tibetani Fenici Indiani Coreani Bantu Popoli turchi Sami Illiri Vandali Balti Macedoni Helleni Unni Traci Finno-Ugri Indoeuropei

Test delle origini e genealogia del DNA: come funziona?

E' sufficiente un campione di saliva per riuscire ad ottenere il vostro DNA. Il prelievo è semplice ed indolore e può essere effettuato a casa vostra. Ci invierete poi il campione utilizzando la busta contenuta nel kit di prelievo.

Ordinare il kit per il test
Ordinare il kit per il test:

per telefono, e-mail o sul sito web

Ottenere il kit di prova
Ottenere il kit di prova:

la consegna richiede alcuni giorni

Prelevare campioni
Prelevare campioni:

a casa, semplice e indolore

Inviare i campioni
Inviare i campioni:

con la busta allegata

Risultato
Risultato:

scritto e online dopo circa 6 - 8 settimane

Ordinare un analisi delle origini con iGENEA

  • iGENEA Basic

    Ordinato dal 29% dei clienti interessati al test sulle origini.

    179 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Premium

    Ordinato dal 55% dei clienti interessati al test sulle origini.

    499 EUR
    Ordinare  
  • iGENEA Expert

    Ordinato dal 16% dei clienti interessati al test sulle origini.

    1299 EUR
    Ordinare